EFA studio di architettura

Centro ricerche Chiesi

LUOGO
Parma

STATO
Realizzato

CRONOLOGIA
2005 · 2011

CATEGORIA
Luoghi del lavoro, spazio pubblico, architettura d’interni, allestimento.

Un impianto dal carattere “urbano”
che vede il proprio modello di riferimento nel concetto di “cittadella aziendale”
articolata in spazi aperti ed elementi costruiti
di differente carattere funzionale e morfologico.

l nuovo Centro Chiesi trova i propri presupposti all’interno dei processi di ampliamento strutturale, razionalizzazione organizzativa e innovazione tecnica che inducono la ricerca progettuale verso l’offerta di nuove prestazioni e servizi in equilibrio tra la rapidità delle modificazioni e le esigenze di lunga durata.

Il progetto mira ad instaurare un dialogo con un paesaggio dal forte segno infrastrutturale attraverso un impianto dal carattere “urbano” che vede il proprio modello di riferimento nel concetto di “cittadella aziendale” articolata in spazi aperti ed elementi costruiti di differente carattere funzionale e morfologico.

L’articolazione funzionale degli edifici si traduce in un’offerta di spazi integrati, fulcro dell’insediamento è l’edificio destinato ai laboratori di ricerca e agli uffici, attorno al quale si articolano i corpi e gli spazi ad esso strumentali dal punto di vista tecnologico (centrale utilities e impianti), funzionale (magazzino e depositi) e organizzativo (guardiania, parcheggi e strutture accessorie).

La forma planimetrica nasce da un processo di ottimizzazione degli spazi del lavoro, la ricerca di qualità si fonda sulla non omologazione dei livelli e della logica di circolazione, nel tentativo di ricavare all’interno della grande dimensione ambienti alla scala umana: piani con configurazioni diverse, spazi comuni differenziati, strade e piazze interne.

Il progetto si appella alla forza dell’elemento ordinatore esaltato dalla grande dimensione attraverso le texture ritmate dalla rigida maglia strutturale o dalla modularità delle componenti di facciata: alla trasparenza dell’elemento centrale si contrappongono il linguaggio massivo dei corpi destinati ai laboratori, l’involucro diventa occasione di studio e progettazione specializzata.
Attraverso molteplici soluzioni il progetto persegue il duplice obiettivo di ottimizzare gli scambi termici attraverso componenti dell’involucro altamente prestanti, e di generare autonomamente energia con sistemi passivi per adempiere, almeno in parte, al fabbisogno dell’edificio.
Come ogni opera di architettura di elevata complessità, il nuovo Centro Chiesi è il risultato di un’azione integrata tra competenze differenti che conduce alla combinazione di progettualità architettoniche e soluzioni d’ingegneria deliberatamente non spettacolari puntando alla misura, alla durevolezza e alla reale sostenibilità di un’ architettura che aspira ad essere contributo al valore urbano di un luogo ed espressione dei valori etici di un’azienda.

CREDITS

PROGETTISTI

EFA
Emilio Faroldi
Maria Pilar Vettori

 

COLLABORATORI

Dario Cea
Francesca Cipullo
Pietro Chierici
Roberto Grassi
Andrea Roscini
Francesca Pesci
Laura Piazza

PROJECT MANAGER
Jacobs Italia (ing. Michele Cappellini)

DIREZIONE LAVORI
Jacobs Italia (ing. Michele Cappellini)

STRUTTURE
Jacobs Italia

 

FACCIATE
Stahlbau Pichler, Saint Gobain, Graniti Fiandre

 

PAESAGGIO
Emilio Faroldi Associati

FOTOGRAFIE

Marco Introini
Marco Buzzoni